Contattaci

Contattaci

Dichiaro di aver letto e accettato l’informativa sulla privacy (Leggi l'informativa)
Telefono
+39 0444 977899
E-mail
info@laprimaplastics.com
Seguici su
Fax
+39 0444 976859
Indirizzo
Viale Europa, 46 - 36033 Isola Vicentina (VI)

NUOVE//LAPRIMA PLASTICS & FONDAZIONE BONOTTO | Jesse Darling

Per ArtVerona 2018, il progetto di NUOVE//LAPRIMA PLASTICS è lieta di presentare una selezione di opere nate a partire dalle esperienze realizzate dagli artisti partecipi del programma:

Jesse Darling - progetto realizzato in collaborazione con Fondazione Bonotto

NUOVE//LAPRIMA PLASTICS sceglie gli spazi dell’ex opificio militare Santa Marta, oggi sede dell’Università degli Studi di Verona - di cui il recente rinnovo dell’architetto Massimo Carmassi realizzato con la sezione dello IUAV Studi e Progetti, di Venezia, è stato eletto vincitore della quinta edizione del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana 2015.


Il progetto espositivo presenta una serie di opere degli artisti che in maniera autonoma ed eterogenea hanno interpretato e manipolato la materia plastica,dalla lavorazione industriale all’uso e consumo nel quotidiano. Le diverse sperimentazioni concepite derivano da studi empirici e da indagini metodiche sui materiali e processi plastici di rigenerazione, ottenuti attraverso le conoscenze e le tecnologie offerte dall’industria LAPRIMA PLASTICS. Il loro carattere di inusuale non conformità, interroga le derive della pratica artistica: s’intende per non conferme ciò che è sprovvisto di forma: la manipolazione esercitata dagli artisti sulle diverse materie durante la fase di fusione termodinamica dei diversi polimeri, spinge i solidi materici a strutturarsi in corpi fluidi, incapaci di essere ssati nella lettura anatomica del loro esistere, tendono verso la dimensione inesplorata della conoscenza e della pratica scultorea, rendendo impossibile la sua stessa de nizione. Non conforme inoltre è la classificazione di uno specifico materiale, che si rende non ideo all’uso e alle applicazioni all’interno di un determinato
ambito, detnendo oltremodo il loro contesto storico, sociale e politico di appartenenza.
In dialogo con i lavori dei tre artisti, è presente una documentazione video realizzata da Piero Matarrese, presente nella collezione di FONDAZIONE BONOTTO, dell’artista Monty Cantsin (Istvan Kantor - nato in Ungheria nel 1949, vive in Canada) fondatore del Neoismo - movimento artistico performativo e di pratica sperimentale mediatica- loso ca, emer- so in Canada alla ne degli anni 70 - che proprio nell’ottobre del 1998 realizzò il progetto espositivo e di performance “MADE IN ITALY” presso lo spazio di Sarenco-Club Art Gallery, di Verona. La serie di opere e documentazioni di Monty Cantsin sono state fonte di ispirazione per l’artista Jesse Darling, durante il suo percorso di residenza presso l’archivio di Fondazione Bonotto, da cui
nacque la corrispondenza digitale fra l’artista e il fondatore della Fondazione, Luigi Bonotto.